Meno Storie

Gestire Casa e Giardino in Modo Semplice

Come si Prepara la Polenta in Casa

In questo inverno che finalmente è arrivato con il suo carico di freddo intenso, la cucina diventa un piacere più che un dovere, come accade in estate quando il caldo toglie in parte voglia di cucinare e fantasia. Il freddo invece stimola e le ‘scorpacciate’ si intensificano, sollecitate dagli ambienti caldi, dai contesti rustici, dalla necessità di ritrovarsi in luoghi chiusi, dal piacere di gustare piatti caldi e succulenti in compagnia.

E il cibo non è un accessorio, un complemento, bensì la motivazione che spinge a ad incontrarsi e riunirsi: ‘Andiamo a mangiare le salsicce alla brace/le fettuccine al sugo di lepre/la zuppa di legumi e farro?’.

Altro piatto tipico dell’inverno è la polenta, tipica del nord ma felicemente utilizzata in tutta Italia, anche se non sempre con lo stesso risultato, questo va detto. A qualcuno piace anche prepararla in casa, e allora ecco la procedura.

La polenta tradizionale si prepara con la farina di mais gialla, ma anche la bianca può andar bene. C’è poi da scegliere tra la grana grande, la grana media e la grana fine, perché dalla grana dipende la consistenza, che può essere più o meno compatta.

Si inizia portando l’acqua in ebollizione in una pentola molto grande se non si dispone del tipico paiolo o del paiolo elettrico e si prosegue versando la farina a pioggia e provvedendo a spargerla con le mani in modo che si distribuisca in modo uniforme sull’intera superficie dell’acqua, senza formare grumi e senza concentrarsi tutta da una parte.

Abbassare il fuoco al minimo e cuocere per minimo 50 e massimo 85 minuti: la cottura tra i 50 e gli 80 minuti riguarda la polenta soda, mentre ne bastano 50-70 per la morbida. Importante mescolare molto spesso.
La polenta sarà pronta quando sulla superficie saranno visibili delle bolle e il composto non sarà aderente ai bordi della pentola. Se per caso fosse troppo dura, basterebbe aggiungere un po’ alla volta dell’acqua bollente con l’aggiunta di sale, mentre se fosse troppo morbida si dovrebbe aggiungere la farina ed aumentare il tempo di cottura.

Ricetta della polenta con salsiccia
Gli ingredienti per 6 persone
500 gr di farina di mais
800 gr di salsiccia a nastro
1 cipolla, 1 carota, 1 gambo di sedano
500 gr di pomodori pelati
500 ml di vino bianco secco
6 foglie di alloro
4 cucchiai di olio
sale e pepe

Lavare, pulire e tritare carota, sedano e cipolla. Passare i pomodori nel passaverdure. Arrotolare la salsiccia per formare una sorta di spirale, con la salsiccia tutta ripiegata in cerchi, e fissarla con 3 stecchini lunghi, di quelli per gli spiedini, e sulla parte esterna infilare le foglie d’alloro, che avranno così anche uno scopo ornamentale.

Mettere la salsiccia in padella a rosolare per alcuni minuti insieme a 2 cucchiai di olio, e mentre rosola pungerla con la forchetta per far uscire il grasso, dopodichè riporla su un piatto.

Far soffriggere il trito di verdure con l’aggiunta di sale, aggiungere la salsiccia e sfumare dopo un paio di minuti con 1 bicchiere di vino. Quando il vino sarà evaporato, unire i pomodori, mettere il coperchio e far cuocere per 45 minuti, aggiungendo anche il pepe verso la fine, se gradito.

Nel frattempo versare in un tegame spesso 1 litro e mezzo di acqua e il vino rimasto e prima che il composto raggiunga il bollore versarvi la farina. Far cuocere la polenta mescolando in continuazione per 45 minuti a fiamma bassa e poi versarla ancora bollente in uno stampo rotondo foderato precedentemente con carta da forno bagnata e strizzata.

Lasciare la polenta a riposare per 5 minuti, poi sformarla su un piatto da portata togliendo la carta. La salsiccia va posizionata sopra e intorno, sul bordo interno del piatto, insieme al sugo caldissimo.
Servire subito.

Meno Storie

Torna in alto